Gestire le Emozioni

Gestire le Emozioni

Gestire le emozioni è qualcosa di molto particolare per l’essere umano. Il 90 % delle nostre azioni sono mosse dalle emozioni, mentre solo il 10% dalla razionalità.

Si sente costantemente dire: “Sono felice” oppure “Sono triste “ ecc. e questo ci fa capire che la maggior parte delle persone si sente ciò che prova.

Questo tipo di affermazioni e di atteggiamento denota una mancanza di equilibrio, una non conoscenza di se stessi, di quella parte che è dentro di noi in profondità e che muove ogni nostra azione, quel potenziale assopito che necessita del risveglio, della nostra coscienza.

Ci si immedesima normalmente con le emozioni che si provano, con le situazioni che si vivono, attaccandosi alle persone che si frequentano, diventando dipendenti da tutto questo, senza accorgersi che non si è le nostre emozioni né le situazioni che viviamo, le emozioni e le situazioni vanno vissute fino a che ci sono.

Ci si attacca a tutto senza godere davvero a pieno di ogni istante. In tutto ciò che ci accade, che siano esperienze positive oppure no, c’è sempre qualcosa da imparare, per cui si corre così il rischio di sprecare una vita.

Dobbiamo fare pace con noi stessi, con la parte puoi profonda di ognuno di noi. Così facendo, solo concentrandosi sul presente vivremo con intensità il qui ed ora, ed avendo goduto del passato, godendo anche de futuro.

D’ora in avanti non diremo più sono felice o sono triste, ma sto vivendo un momento di felicità o di tristezza, senza attaccarci alle emozioni, restando centrati ed accettando tutto ciò che arriva. Se sto bene con i miei amici non vuol dire che se non ci sono sto male. Sto bene ugualmente, godo della loro compagnia finché c’è.

La stessa cosa vale per le emozioni, di qualsiasi tipo, che vanno accolte e vissute appieno con la consapevolezza che nulla è eterno. Un momento di felicità va vissuto fino in fondo, e quando finisce continuo a sta bene, perché sto bene con me stesso.

Anche la tristezza ed il dolore così, avranno un senso diverso, prenderanno la valenza di una lezione che va metabolizzata per trarne un insegnamento, con la consapevolezza che passeranno per lasciarci migliori di prima.

Cambiando il nostro atteggiamento con un lavoro introspettivo profondo, raggiungeremo quella consapevolezza che ci porterà alla conoscenza necessaria a risvegliare completamente, in modo graduale la nostra coscienza e a riconnetterci con tutto il nostro potenziale e ad utilizzarlo al meglio, per una vita straordinaria in ogni suo aspetto.

E allora buona vita.